.
Annunci online

federica mogherini
Diario parlamentare

PROPOSTA BIPARTISAN SU TASSAZIONE TRANSAZIONI FINANZIARIE PER LOTTA ALLA POVERTA'

20 ottobre 2010 permalink 2commenti

Tassare le transazioni finanziarie per destinare risorse in favore di iniziative solidali a livello nazionale e internazionale. Questo il contenuto di una proposta di legge 'bipartisan' (solo la Lega ha deciso di non aderire) presentata a Montecitorio. La pdl, tra l'altro è stata sottoscritta dai deputati Andrea Sarubbi (Pd, primo firmatario), Marco Zacchera (Pdl), Mario Barbi e Federica Mogherini (Pd), Savino Pezzotta (Udc), Angela Napoli (Fli) e Augusto Di Stanislao (Idv).

La proposta, illustrata alla Camera durante una conferenza stampa, prevede che sia istituita una imposta sulle transazioni finanziarie (Itf), la cui aliquota giungerà allo 0.05 per cento dopo l'adesione di almeno sei Paesi membri dell'Unione europea. La tassa si applicherebbe a tutte le transazioni finanziarie dirette o indirette, e compiute attraverso qualunque strumento finanziario, effettuate in Italia o da soggetti che operano nel nostro Paese.

Esclusi dalla tassazione i titoli di Stato (Bot, Bpt, Cct, Ctz) e i titoli emessi dagli Enti territoriali (buoni ordinari comunali, provinciali e regionali). Il gettito della tassa sarebbe destinato per meta' ai Paesi in via di sviluppo, e per metà alla solidarietà nazionale: il 50 per cento dei soldi andrebbero infatti ai Fondi per la cooperazione, l'altro 50 per cento al Fondo nazionale per le politiche sociali.

Durante la conferenza alla Camera, per presentare la proposta di legge bipartisan per tassare le transazioni finanziarie a favore di iniziative di solidarietà, Sarubbi spiega che la tassa "non va confusa con la Tobin tax" ma che "colpisce comunque le speculazioni valutarie esclusi i titoli del debito pubblico per non gravare sui piccoli risparmiatori".

Dal pagamento dell'Itf, sono esenti poi le Banche centrali e le altre autorità di politica economica, nazionali e internazionali. Sarubbi precisa che il progetto è partito anche grazie "al contributo e alle richieste di molte Ong" e che l'idea di una tassa sulle transazioni" è già condivisa da altri Paesi Ue come la Francia, il Belgio e la Germania".

Sarà "un'imposta di solidarietà", aggiunge Mario Barbi dal Pd. E la sua collega di gruppo Federica Mogherini dice che "a livello di Parlamento europeo sta iniziando un tentativo di coordinamento trasversale delle proposte nazionali" in modo che "non si possa più dire, da parte dei singoli Stati, e' inutile muoverci se siamo da soli".

Nella relazione introduttiva alla proposta di legge, si spiega che tassando dello 0.05 per cento le transazioni finanziarie nella sola Unione europea "si potrebbe registrare un gettito tra i 163 e i 400 miliardi di dollari annui", mentre "a livello mondiale il gettito sarebbe compreso tra i 400 e i 946 miliardi di dollari l'anno". In Italia, conclude Sarubbi, "possiamo stimare un gettito tra uno o due miliardi".

Per la pace

PER LA LOTTA CONTRO LA POVERTA'

14 ottobre 2010 permalink 0commenti


Attività parlamentare

LOTTA ALLA POVERTA': PETIZIONE EUROPEA, I GOVERNI RISPETTINO IMPEGNI GIA' PRESI

9 giugno 2010 permalink 0commenti

Questo è il video della conferenza stampa di presentazione della petizione europea della Campagna per gli Obiettivi del Millennio, lanciata per sollecitare i governi europei - a partire da quello italiano - a mantenere gli impegni già presi sulla lotta alla povertà.

Insieme ad altri colleghi parlamentari abbiamo deciso di sottoscrivere la petizione, invitando tutti i cittadini europei a fare lo stesso su www.campagnadelmillennio.it

Sulla stampa

Investire in lotta alla povertà è scelta strategica e utile all'Italia

8 ottobre 2008 permalink 4commenti
Apc-Cooperazione/ Pd: Dal Governo la metà dei fondi dello scorso anno

"Mogherini: Investire in lotta povertà e' scelta strategica e utile a Italia"

Roma, 8 ott. (Apcom) - Il Pd denuncia come "dalla Finanziaria 2009 giunge la conferma dei pesanti tagli alla Cooperazione allo Sviluppo decisi dal Governo" poichè "sono previsti solo 321,8 milioni di euro, pari al 56 % in meno delle risorse dello scorso anno, che corrisponde al minimo finanziario - pari allo 0,09 % della spesa corrente - in termini nominali dal 2000 e della metà delle risorse in termini reali dal 2001".

"L`inversione di tendenza, purtroppo,- spiega la parlamentare Pd Federica Mogherini - era chiara già dal DPEF 2009-2011 presentato a luglio: dopo gli aumenti alla cooperazione allo sviluppo che erano stati decisi per il 2007 (+ 74 %) e per il 2008 (+ 15 %), il Governo ha imposto un taglio di 400 milioni di euro (- 14 %).

Il Ministero degli Esteri ha deciso, tra l`altro, di concentrare tutti i tagli che lo interessavano proprio sulla cooperazione (mentre questo settore incide sul bilancio del MAE solo per il 26%).Così, il Ministero degli Esteri decide, di fatto, di non avere a disposizione alcuna risorsa per nuovi interventi sulla cooperazione."

"A fronte di queste drastiche scelte -prosegue Mogherini- vale la pena ricordare che nel 2007 le ONG hanno raccolto oltre 400 milioni di euro con i soli finanziamenti privati e che per il prossimo anno è probabile immaginare che il loro contributo finanziario autonomo sarà maggiore di quello garantito dallo Stato. Le scelte del Governo tradiscono questo impegno serio e appassionato di tanti cittadini italiani di associazioni di volontariato e di ONG. L`Italia si allontana così dal rispetto degli impegni internazionali assunti per il raggiungimento degli Obiettivi del Millennio, proprio alla vigilia dell`assunzione della Presidenza del G8, azzerando così la sua credibilità politica e rinunciando a giocare un ruolo politico sullo scenario globale. E` miope un governo che non riesce a vedere come l`investimento sulla lotta alla povertà non sia solo un imperativo etico, ma anche una scelta strategica di politica estera per l`Italia: solo sostenendo la cooperazione allo sviluppo, l`Italia può offrire un suo contributo concreto a contenere i flussi migratori e a favorire la crescita economica e sociale dei Paesi più poveri."

Diario parlamentare

QUESTION TIME SUI TAGLI ALLA COOPERAZIONE

25 settembre 2008 permalink 2commenti
Insieme a Sarubbi, ieri abbiamo presentato una interrogazione a risposta immediata (il cosiddetto "question time") sui tagli alla cooperazione allo sviluppo previsti in Finanziaria. Ci ha risposto Vito, che leggeva una nota di cui ignorava visibilmente il contenuto. Qui c'è la mia replica (che oltretutto andava in diretta su Rai 2, ed io non lo sapevo...).
chi sono
Sono nata a Roma il 16 giugno del 1973 da papà toscano (Anghiari, Arezzo) e mamma veneta (Vittorio Veneto, Treviso).
contatti mail: mogherini_f@camera.it
tel: 06.67605348
Fax: 06.67605726
Indirizzo: Camera dei Deputati, Piazza S. Claudio 166 - 00186 Roma


Questo blog è stato visto 1 volte

footer