Blog: http://BlogMog.ilcannocchiale.it

TOBIN TAX: L’IMPEGNO DEL VERTICE DI ROMA È IMPORTANTE NOVITÀ, ORA IL CONSIGLIO EUROPEO DIA VIA LIBERA

“L’impegno assunto oggi a conclusione del vertice di Roma tra Italia, Germania, Francia e Spagna per l’introduzione in Europa di una tassa sulle transazioni finanziarie – da attivare, anche in assenza dell’unanimità di consenso tra i paesi UE, attraverso la procedura di una cooperazione rafforzata – rappresenta un segnale di novità politica molto significativo.

Non vi è dubbio che dal Consiglio europeo del 28 e 29 giugno ci si attende una svolta politica più generale – di cui in realtà si rintracciano ancora segnali troppo timidi e contraddittori – con una strategia continentale per la crescita e la creazione di nuova occupazione; con passi concreti verso un più stretto coordinamento finanziario e l’attivazione di strumenti di garanzia del sistema creditizio a livello comunitario; con la messa in sicurezza dei bilanci pubblici dei paesi UE attraverso strumenti di mutualizzazione (almeno parziale) dei debiti sovrani – se non con gli Eurobond, almeno col Fondo di Redenzione -; con la definizione di una road map per l’integrazione e l’unione politica europea.

Ma, in questo quadro, la decisione di rilanciare oggi da Roma la proposta di tassare le transazioni finanziarie rappresenta una scelta politica comunque impegnativa, con cui si indica uno strumento concreto – di certo non l’unico, ma sicuramente significativo – per uscire da una crisi economica europea e internazionale, iniziando a regolare la finanza globale e le sue degenerazioni, contrastando la speculazione internazionale e raccogliendo risorse da destinare agli investimenti per l’occupazione e per la crescita.

Ora ci attendiamo coerenza e determinazione da parte dei 4 governi europei che oggi si sono ritrovati a Roma nel voler tradurre la proposta di tassa sulle transazioni finanziarie in scelte concrete e operative sin dal prossimo vertice europeo di fine mese.

Sarebbe una prima, importante risposta alla crisi economica che ha investito in questi anni l’Europa, indicando come un altro modello di sviluppo più sostenibile, un ruolo più sano della finanza in rapporto con l’economia reale e col mondo produttivo, un’Europa dei diritti e della partecipazione democratica siano obiettivi possibili, da costruire passo dopo passo, con scelte innovative e coraggiose come questa”.

E’ quanto dichiara Federica Mogherini, deputata e responsabile globalizzazione PD.

Pubblicato il 22/6/2012 alle 19.37 nella rubrica Sull' Europa.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web