Blog: http://BlogMog.ilcannocchiale.it

CONVENZIONE EUROPEA CONTRO VIOLENZA SULLE DONNE: NON BASTANO PIÙ LE RASSICURAZIONI GOVERNO, È TEMPO CHE ITALIA FIRMI

“Oggi in Aula alla Camera tutti abbiamo potuto apprezzare la sensibilità e l’atteggiamento favorevole con cui il Sottosegretario De Mistura ha condiviso l’urgenza di giungere alla firma, anche da parte dell’Italia, della “Convenzione del Consiglio d'Europa sulla prevenzione e il contrasto della violenza sulle donne e alla violenza domestica”.

E’ un’adesione che attendiamo da mesi, sulla quale il Parlamento si è pronunciato più volte all’unanimità, riconoscendo l’utilità di uno strumento giuridico internazionale che porterà a rafforzare le misure di prevenzione, di tutela in sede giudiziaria, di sostegno alle donne che sempre più spesso sono vittime di violenza.

E tuttavia, di fronte ad una volontà politica unanimemente e ripetutamente espressa, che si è scontrata con presunte "lentezze burocratiche" che a quanto pare frenano una decisione finale, oggi non bastano più le rinnovate rassicurazioni del Governo. Servono scelte concrete e conseguenti, che ormai, dopo mesi di approfondimenti e di verifiche interne, non si vede il motivo di rinviare.

Abbiamo usato tutti gli strumenti istituzionali che erano a nostra disposizione per sollecitare il Governo a firmare la Convezione, e l'abbiamo fatto sempre con una trasversalità ed un'unità tra diversi gruppi parlamentari davvero eccezionale. Continueremo a farlo. Ma da oggi chiameremo anche alla mobilitazione l’intera società – dalle donne, alle associazioni, ai partiti – con una petizione popolare per sollecitare l’adesione italiana, come lo stesso network dell'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa "Women Free from Violence" ha invitato a fare. Come PD, lo faremo fin dalle prossime ore, per riuscire ad arrivare presto - magari in occasione della prossima riunione della Commissione Eguaglianza e Non Discriminazione dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa, il prossimo 13 e 14 settembre a Tirana - ad annunciare finalmente l’adesione dell’Italia alla Convenzione. La violenza contro le donne non è, non può essere, oggetto di esercizi di retorica: é nostro preciso e non rinviabile dovere fare tutto il possibile per fermarla. Subito."

E’ quanto dichiara Federica Mogherini, deputata, responsabile globalizzazione PD e membro dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa, prima firmataria dell’interpellanza urgente discussa oggi in Aula alla Camera.

Pubblicato il 19/7/2012 alle 16.55 nella rubrica Sull' Europa.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web